Sequestro di cavalli

I carabinieri hanno messo i sigilli all’allevamento lager di Lunghezza (Rm) e sequestrato circa sessanta cavalli in stato di malnutrizione e maltrattamento, il Pubblico Ministero Antonio Clemente ha nominato Legambiente onlus e Progetto Islander custodi giudiziari degli equidi.
Le due associazioni, nominate custodi giudiziari, continueranno a lavorare e collaborare insieme a Il Rifugio degli Asinelli e Italian Horse Protection onlus con le quali hanno denunciato a più riprese la situazione di Lunghezza, per garantire a tutti gli animali una nuova vita. Ad oggi cavalli, pony, asini e muli si trovano a Lunghezza dove sono in corso le operazioni per le cure veterinarie, l’alimentazione e il trasferimento in uno o più siti idonei.
Le associazioni lanciano un appello a tutti gli amanti degli animali che vogliono dare il loro contribuito e collaborare al benessere di questi equidi, rendendosi disponibili per un’adozione concreta oppure decidendo di fare una donazione per sostenere i costi di mantenimento, cure, ricoveri in clinica, trasporto e alimentazione, al momento a carico delle associazioni, e dare così un futuro migliore a questi equidi. A tal riguardo Legambiente e Progetto Islander, insieme alle altre associazioni, si sono attivate per dare il via ad una raccolta fondi tramite i propri siti e le pagine Facebook.

“Dopo anni di esposti e segnalazioni, si è arrivati al sequestro di questo macabro luogo dove sono morti diversi equidi e dove gli altri animali, sopravvissuti, rischiavano la stessa fine – dichiara Nino Morabito, responsabile benessere animale Legambiente – Ora la cosa importante è riuscire a dare un futuro e una nuova vita agli animali superstiti lontana da ogni forma di sfruttamento o dal rischio di macellazione.
Sin da subito sono importanti le donazioni, considerate che ogni mese si spendono circa seimila euro di cibo più i costi degli interventi per le cure veterinarie e dalla prossima settimana sul sito animal help di Legambiente (http://www.legambienteanimalhelp.it/) saranno anche disponibili tutti i moduli necessari per l’affido degli animali”.

“Finalmente siamo riusciti a ottenere il sequestro dopo anni di interventi e sollecitazioni – dichiara Nicole Berlusconi, presidente di Progetto Islander – Adesso però inizia una grandissima operazione di recupero e riabilitazione psico-fisica di tutti gli animali oltre che di trasferimento in luoghi idonei che li possano accogliere. Tutti gli aggiornamenti e le pratiche di adozione le potrete trovare sul sito dell’associazione www.progettoislander.it. Ringraziamo sin d’ora chi vorrà aiutarci”.

Related Posts

Leave A Reply